•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Descrizione immagine

Sabato 18 gennaio si è tenuta l'inaugurazione della Biblioteca Astense Giorgio Faletti. L'APRI Onlus di Asti ha donato l'attrezzatura per la postazione ipo e non vedenti. Grazie al contributo dei Lions di Asti, nella figura di Massimo Massobrio, tra qualche settimana la postazione verrà arricchita con la donazione di un pc e video. Verrà fatta la consegna ufficiale con la presenza della presidente della biblioteca Roberta Bellisini Faletti.

Descrizione immagine

Maria Teresa Montanaro, associazione l'Arcobaleno e Renata Sorba dell'A.P.R.I. Onlus di Asti il 30 e 31 marzo presso la scuola elementare "Rossignoli" di Nizza Monferrato hanno intrattenuto le classi e termineranno il progetto giovedì 9 aprile 2015. I bambini hanno dimostrato molto interesse agli argomenti sulla disabilità e parteciperanno ad un concorso, con un disegno e/o frase e verranno premiati durante la manifestazione del 25 aprile.

NB. Mi hanno fatto notare che nella pagina o del sito o del facebook professionale la data di nascita è da correggere: 18 maggio anziché 15. 

Descrizione immagine

Giovedì 09 aprile si è tenuto l'ultimo incontro alla scuola "Rossignoli" di Nizza Monferrato. Nei tre incontri diverse classi di bambini hanno con molta attenzione e curiosità ascoltato le nostre esperienze. Ci sono stati dei momenti molto toccanti e commoventi. Le domande dei bambini sono sempre molto acute e argute. Mi sono commossa molto quando Maria Teresa ha voluto pubblicamente leggermi e dedicarmi una poesia da lei scritta. E' nata quindi una bella amicizia e un sodalizio che ci porterà ad intraprendere insieme altri nuovi progetti con le scuole. Grazie a Maria Teresa Montanaro, alle insegnanti e agli splendidi bambini che hanno reso questa iniziativa bella ed indimenticabile.

Descrizione immagine

Apericena, Casa del Popolo 13 Marzo 2015:
Grazie a tutti coloro che hanno aderito alla nostra iniziativa. La serata è stata un'occasione per trovarsi e condividere insieme all'APRI le nostre iniziative e nel contempo un momento di integrazione tra disabili e non. Il ricavato verrà utilizzato per finanziare le attività in programma.Tutti i volontari si sono impegnati al massimo per rendere la serata piacevole e allegra e per garantire ad una sessantina di persone, di usufruire del servizi a tavola. Le cuoche Marisa Fassio e Rosalia Spinelli, con il supporto di Teresa Ghidella, Marco Sona, Raffaele Matroianni, Sara Delpero, Regina Ruffinengo e la cara amica Cinzia, in visita ad Asti, hanno svolto un lavoro splendido e di gruppo che ha ancora una volta confermato come la nostra associazione sia un punto di riferimento per persone sensibili e che operano nel volontariato con il "cuore".
Grazie a tutti! Il prossimo appunto per un apericena sarà per il mese di ottobre 2015.

Descrizione immagine

Martedì 10 marzo, grazie all'invito dell'insegnante Letizia Fassio durante la mattinata, sono intervenuta, per un paio d'ore alla scuola d'infanzia di Baldicchieri d'Asti. Una quarantina di bambini sotto la tutela e l'assistenza delle altre insegnanti Ornella Gherlone ed Elisabetta Vicini, hanno partecipato attivamente e con molto interesse alla mia lezione sul cane guida e sulla mia vita come disabile. I bambini sono stati molto attratti da York, dalla scrittura e lettura in Braille, dalle favole e da tutto ciò che ha scaturito la mia presenza tra loro. Ancora una volta questa esperienza mi ha lasciato emozioni bellissime e ho ricevuto dalle insegnanti e dai bambini tanto calore ed affetto.

Descrizione immagine

Martedì 24 febbraio è un anno che vivo con Renata. Ricordo quel giorno che con Paolo e Barbara la mia nuova padrona è venuta a conoscermi a Limbiate. L'ho accolta subito con grande affetto ed entusiasmo e lei mi ha coccolato a lungo. Non sapevo tutto quello che le era successo e che un mio collega di nome Rudolf l'aveva da poco lasciata. Renata non era in gran forma ma la mia vicinanza la rendeva gioiosa e serena. Il mio arrivo ad Asti è stato molto piacevole, al lavoro, in associazione, per la strada, tutti hanno cominciato ad avvicinarsi e a conoscermi. Molto spesso, per i primi mesi, mi hanno chiamato Rudy e Renata un po' scocciata... rimarcava che il mio nome è YORK! Abbiamo vissuto insieme dei mesi un po' difficili, lei non stava ancora molto bene e quindi ha faticato un po' a gestire la mia irruenza e vivacità! Ma grazie all'aiuto di amici, volontari ed il supporto di Paolo, Barbara e Davide, piano piano Renata è riuscita a trovare una "quadra". Oggi siamo ormai collaudati e viviamo in simbiosi e lei ha ritrovato la serenità e la gioia di affrontare quotidianamente le passeggiate e gli spostamenti con me. Rudolf, il mio precedessore, è stato molto amato ed apprezzato da tutti. Ma oggi anche io mi sono creato il mio spazio e posso tranquillamente reputarmi soddisfatto e contento della mia nuova vita. Grazie a tutti quelli che mi accarezzano, mi apprezzano e mi coccolano! Grazie anche ai nuovi amici a quattro zampe che quotidianamente incrocio per la città.
Renata, grazie a me, oggi è di nuovo in forma! 

Ogni giorno sentiamo parlare di "tagli" ai bilanci e sempre vanno a penalizzare le fasce più deboli. Proprio in questi giorni, amministratori, sindacati e operatori del settore, si stanno attivando per raccogliere firme per ottenere un'incontro al consiglio comunale della città per affrontare il problema dei tagli al bilancio per l'assistenza ai disabili nelle scuole. Tale situazione è molto grave. Togliere l'assistenza ai disabili vuol dire togliere un "diritto" e un'opportunità per la loro formazione ed istruzione. Per problemi economici si andrebbe a sostituire le figure specializzate nel supportare l'allievo in classe con altre figure che gravitano nelle scuole come ad esempio i bidelli. Credo che sia molto importante mantenere una figura competente che affianchi queste persone svantaggiate in quanto non basta solo un semplice supporto fisico. Mi auguro che questa riflessione venga rispettata e presa in considerazione dagli amministratori locali e trovino una soluzione per evitare un tracollo che potrebbe compromettere l'integrazione del disabile nella scuola. Sono certa che tutti gli interessati si stanno dando da fare per evitare questo disagio in quanto gran parte di loro sono anche genitori e quindi si possono mettere nei panni di chi ha in casa un ragazzo disabile e che si appoggia alla scuola, grande punto di riferimento per la loro integrazione. Auspico che si trovi un punto d'incontro e che si eviti un danno cosi profondo che può turbare gli studenti coinvolti, il clima e lo spirito di chi crede in questo lavoro e che si impegna quotidianamente a supportare i ragazzi meno fortunati. Per APRI Onlus Asti, Renata Sorba

© 2015 Renata Sorba - Tutte le immagini, loghi e testi presenti in questo sito web appartengono ai legittimi proprietari.